Home Festival Torino 2015 The Nightmare

The Nightmare

66
0
VOTO: 5.5

Incubi e Deliri

Il regista Rodney Ascher fece già parlare di sé nel 2012, quando presentò il discusso documentario Overlook Hotel: Stanza 237 (Room 237) – che gli è valso il premio come Miglior Regia all’Austin Fantastic Fest – incentrato su Shining di Stanley Kubrick e in cui teorie anche interessanti si mischiavano a voli pindarici francamente eccessivi e privi di fondamento, in un’opera tuttavia tecnicamente valevole, ben girata e montata. Dopo la parentesi non troppo felice del segmento Q is for Questionnaire nel collettivo The ABCs of Death 2 (2014), Ascher torna a riproporre il formato documentaristico affrontando una tematica affascinante, ossia quella della “sleep paralysis”. La paralisi notturna è un disturbo del sonno che può essere episodico oppure cronico, spesso accompagnato da allucinazioni spaventevoli: una delle più comuni è quella dell’intruder, ossia l’invasore, una presenza/ombra minacciosa che si manifesta al soggetto in dormiveglia.
La definizione di paralisi notturna ha radici anglosassoni, in quanto fu coniata da Samuel Johnson nel suo A Dictionary of the English Language (1755) col termine “nightmare”, che si è successivamente evoluto nel concetto contemporaneo di incubo notturno. All’epoca, era considerata opera di demoni, gli “incubi” (singolare: incubus), esseri maligni che si credeva si posassero sul petto dei dormienti, impedendo loro di muoversi e respirare: l’equivalente di incubus in inglese antico è, per l’appunto, il “mare” o “mære”, da cui la parola nightmare. Questo tipo di disturbo è ancora oggi oggetto di studi, in quanto non vi è certezza sulle cause: tra le più probabili vi è una disfunzione della fase REM del sonno, che può avere origini psicologiche o fisiologiche. Per quanto la sleep paralysis cronica non abbia ancora trovato una cura risolutiva, tuttavia è possibile tenerla sotto controllo con terapie farmacologiche e un attento monitoraggio dei cicli sonno-veglia.
Un argomento indubbiamente affascinante, che è spesso stato trattato da un punto di vista paranormale, legandolo ai rapimenti alieni e alle possessioni demoniache, e assai più di rado è stato indagato con modalità medico/scientifiche, sicuramente più pertinenti. Ascher ripete lo stesso errore già commesso con Room 237, aggiungendo ulteriori aggravanti: non soltanto non prende in considerazione il disturbo in quanto patologia, ma giunge anche a svalutare i pareri medici, per bocca delle otto persone intervistate, vittime dell’inquietante disfunzione. Così come nel doc su Kubrick sprecava alcune intuizioni interessanti, gonfiandole a dismisura fino al limite del ridicolo, in The Nightmare il regista sceglie il tono maggiormente sensazionalistico, senza analizzare il fenomeno bensì esponendolo, tramite ricostruzioni, nel suo lato orrorifico/sovrannaturale e meno credibile.
I soggetti intervistati soffrono di paralisi notturna cronica, con modalità diverse, e ne narrano le dinamiche mentre si mette in scena ciò che raccontano: il visivo è di sicuro effetto, riesce a spaventare e indubbiamente inquieta; in questo senso, Ascher centra l’obbiettivo, riconfermandosi regista dalla mano sicura e coadiuvato, così come in Room 237, da un montaggio sapiente, da lui realizzato a quattro mani con Saul Herckis, e da uno score suggestivo, firmato da Jonathan Snipes. Quel che lascia a dir poco perplessi sono le parole delle persone che hanno vissuto, e vivono tuttora, quest’incubo in dormiveglia: pochi di loro hanno cercato un aiuto di tipo medico, c’è chi si è affidato a una cartomante, la minoranza che si è rivolta a uno psichiatra demolisce i risultati della terapia e, dulcis in fundo, coloro che erano atei si sono magicamente convertiti al cristianesimo, poiché hanno notato che la parolina magica “Gesù” era in grado di sconfiggere i babau della loro mente. In poche parole, le tesi più accreditate sono quelle del rapimento alieno e della manifestazione demoniaca, poiché “i medici sono solo bravi a dire che ci siamo immaginati tutto”. Le cause neurologiche, psichiatriche e fisiologiche vengono immediatamente abbattute come se rappresentassero l’ipotesi più assurda. Tutto ciò fa perdere ogni tipo di credibilità al documentario, rendendolo a tratti risibile, e lasciando nello spettatore la curiosità iniziale sulla vera natura del disturbo.
Ascher è regista talentuoso, documentarista dal buon intuito nella scelta degli argomenti, ma il suo mirare al mero sensazionalismo e allo spavento facile e talvolta di bassa lega, inficia inevitabilmente risultati che avrebbero potuto essere decisamente superiori. Da vedere per curiosità, ma col necessario scetticismo.

Chiara Pani

Articolo precedenteComa
Articolo successivoA Morning Light

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattordici + due =