memoria

Archivio in sala
7.0
0

L’ambiziosa opera seconda di Valerio Mieli, dalla messa in scena pressoché ineccepibile, presenta qualche pecca a livello di emozioni basiche.