The Specials

0
8.0 Awesome
  • voto 8

Tutto nella norma

Generalmente etichettati come artefici di un cinema commerciale di qualità superiore alla media, i registi francesi Olivier Nakache ed Éric Toledano hanno in realtà intrapreso un percorso autoriale di assoluto interesse. Osservare cioè la dinamica delle relazioni umane in condizioni del tutto particolari. Ne è ulteriore testimonianza questo The Specials – Fuori dal comune, ultimo loro lungometraggio che avrebbe meritato ben altro riscontro nelle nostre sale se non fosse stato penalizzato dalla ben nota emergenza sanitaria. Ottima occasione di recupero risulta dunque la pubblicazione in home video del film da parte di Blue Swan Entertainment, distribuzione meritoria che privilegia prodotti altrimenti destinati a passare sotto silenzio nel paludoso panorama italiano.
In The Specials si affronta lo scivoloso tema della disabilità mentale. Un argomento costantemente a rischio di cadute in un pietismo dal nemmeno troppo vago sapore ricattatorio. La scelta compiuta della coppia di registi transalpini è invece ineccepibile: azzerare le (presunte) distanze tra normalità e differente abilità mettendo in mostra ogni possibile punto di forza e debolezza dei vari personaggi messi in scena. In assoluto equilibrio. Il risultato finale, oltre ad essere permeato di benvenuta aderenza alla realtà sin nei minimi particolari, offre innumerevoli spunti di riflessione nonché momenti di genuina commozione. Spontanea proprio perché ricercata nelle pieghe di drammi profondi o situazioni sentimentali che tutti avranno o dovrebbero aver provato nelle rispettive esistenze.
Bruno (Vincent Cassel) e Malik (Reda Kateb) sono due amici alla guida di associazioni, non ufficialmente riconosciute, che si occupano di persone affette da autismo anche in forma molto grave. Concedendo il minimo indispensabile alle spettacolarizzazioni di prammatica, il lungometraggio descrive in maniera accuratissima un macrocosmo “scomodo” che tutti, dalla burocrazia all’opinione pubblica, preferirebbero lasciare nell’ombra. Come se la malattia mentale fosse un problema non sociale ma a carattere famigliare, in cui l’intero peso delle responsabilità debba obbligatoriamente ricadere sui parenti e congiunti. The Specials, in fondo, racconta quindi di una duplice battaglia. Contro l’ottusità del resto del mondo, che volentieri vorrebbe queste persone confinate in una stanza, magari imbottite di psicofarmaci che li mettano in condizione di non nuocere; ma anche verso se stessi e propri limiti, dove l’altruismo delle cosiddette persone normali viene visto all’esterno quasi come una sorta di follia parallela a quella di un’umanità problematica. L’istantanea che risalta dal film è assieme impietosa e catartica. Un saggio socio-antropologico scevro di ogni pedanteria didascalica dove pensieri, opinioni, problematiche, etnie e religioni diverse trovano un punto d’incontro nella possibilità di cercare una soluzione alle ben più serie istanze proposte dalla malattia mentale. Verso la quale si dovrebbe guardare con solidarietà inclusiva e non come sentenza d’isolamento perenne. Un percorso tutt’altro che facile, illustrato in The Specials come si trattasse di una rigorosa opera alla Laurent Cantet resa appena più accessibile allo scopo di raggiungere un pubblico maggiormente vasto.
Nakache e Toledano, insomma, stanno spendendo in maniera esemplare il grande consenso commerciale ottenuto grazie allo straordinario successo di Quasi amici (2011). Realizzando una modalità di cinema, in magica sospensione tra ricerca di realtà e poesia quotidiana, che solo in Francia riescono a concretizzare in questi termini. Anche grazie ad un cast – con Vincent Cassel a dar vita ad uno dei personaggi più sfaccettati della propria carriera – totalmente in sintonia con i toni dolceamari di un film da vedere anche per comprendere meglio come esistano lavori che richiedano, parafrasando il titolo originale del lungometraggio in questione (Hors normes), una sensibilità decisamente “fuori dal comune”.

Daniele De Angelis

The Specials Titolo originale: Hors normes
Regia: Olivier Nakache ed Éric Toledano
Durata: 114′  Cast: Vincent Cassel, Reda Kateb
Lingue: Italiano 5.1, Francese 5.1 Sottotitoli: Italiano
Video: 2.35:1 Extra: assenti
Distribuzione: Blue Swan Entertainment

Leave A Reply

2 − uno =