Cortinametraggio 2016: diario di bordo #2

0

2^ giornata

Dopo aver aperto con l’omaggio a Ettore Scola a cui la kermesse è dedicata, questa seconda giornata  vuole ricordare l’indimenticabile attrice nostrana, Anna Magnani. Verrà proiettato “Il miracolo”, secondo episodio del film Amore di Roberto Rossellini (1948), con cui vinse il Nastro d’Argento come Miglior Attrice protagonista. Una bella chicca visto anche il soggetto e l’interpretazione di Federico Fellini. A completare il tutto, coerentemente anche con la linea di Cortinametraggio potremo vedere il booktrailer diretto da Amir Nur con protagonista la giovane attrice Anna Ferraioli Ravel nei panni della Magnani, che si aggira tra i luoghi simbolo romani. Il libro a cui è legato è “Anna Magnani. Biografia di una donna” del trentenne Matteo Persica, teso a parlare non solo dell’artista, ma anche e forse in primis della donna Nannarella. Questo testo ci ricorda lo spettacolo “Solo Anna” con Lidia Vitale, scritto da Franco D’Alessandro, che si apriva con «chi so io? […] bella domanda, è tutta la vita che me lo chiedo». Persica parte, a suo modo, proprio dalla domanda: chi era Anna Magnani? e, rievocando suoi pensieri e parole, torna all’ultima estate della sua vita.

Si prosegue con “Ricette e ritratti d’attore”, giocato sul binomio cibo e cinema di cui innegabilmente è disseminata la Storia del Cinema. Si tratta di un format di Rai Cinema e Cannizzo produzioni per CnLIVE in cui i protagonisti del nostro cinema (per citarne alcuni: Beppe Fiorello, Cristiana Capotondi, Alessandro Roja, Claudia Gerini, Michela Andreozzi, Vinicio Marchioni) si raccontano in cinque minuti scegliendo una ricetta che li lega alla terra natia. A realizzarla è lo chef  Massimiliano “Max” Mariola.
A chiudere questa tranche arriva La partita di Francesco “Frank Jerky” Carnesecchi, un cortometraggio con Francesco Pannofino e Alberto Di Stasio in cui lo sport diventa sempre metafora per giocarsi la propria partita con la vita.

Dopo questi eventi speciali preceduti dal tè delle cinque al Museo d’Arte Moderna Imago Aphroditae “Mario Rimoldi”, si riparte con le sezioni ufficiali.
Per il concorso CortiComedy saranno presentati: Il cielo resta quello di Martina Vassallo e Luca Liccione, Tinder sorpresa di Riccardo Antonaroli, Il potere dell’oro rosso di Davide Minnella e La facile felicità di Ludovico Di Martino. Il primo affronta con un registro leggero anche la questione dei libri cartacei, la loro vendita anche nei supermercati e  tutte le riflessioni connesse a questo cambiamento. Il lavoro di Antonaroli mette al centro i giovani e il mondo 2.0 creando situazioni tragicomiche. Anche quello di Minnella realizzato con i cento ragazzi dell’Accademia del Cinema di Enziteto (periferia difficile di Bari), con protagonisti Paolo Sassanelli e Moda Joao, sceglie, a suo modo, di dar spazio a loro. Non era semplice far comunicazione sociale con il linguaggio della commedia, ma ci hanno provato con una storia semplice che tematizza la paura dello straniero.
L’ultimo titolo, La facile felicità, già premiato dal pubblico al Cici Film Festival di Castellammare del Golfo, è un’opera che con delicatezza regala perle sull’infanzia e non solo grazie alle interpretazioni di non professionisti di Castellammare.

Chiudono la serata le Webseries edite e inedite. Tra le prime figurano 140 secondi di Valerio Bergesio, che facendo il verso ai 140 caratteri di twitter, crea puntate molto ironiche e con un ritmo incalzante. Non si fa in tempo a finirne una che si vorrebbe subito vedere la prossima. La seconda è Lo staggista diretta da ZERO feat. Carlo Tozzi. Il tutto parte nello studio di RDS, potete già intuire cosa faccia il protagonista e preparatevi che ne vedrete delle belle, merito di situazioni tragicomiche.
Dall’UniCusano arriva la serie inedita I guastafeste per la regia di Riccardo Antonaroli, pronta a far divertire con le vicende di studenti universitari.

Maria Lucia Tangorra

Leave A Reply

1 × 4 =