Home Festival Altri festival Ajoomma

Ajoomma

129
0
VOTO: 8

La zietta viaggia da sola

Film d’apertura della 25ma edizione del Far East Film Festival, Ajoomma di He Shuming è una piacevole novità nel cinema di Singapore; commedia esistenziale dai toni leggeri anche nel dramma, racconta di quella che è una figura tipica di Singapore (ma per certo verso, di tutto il mondo), la ajoomma appunto (il cui corrispondente europeo potrebbe essere la auntie, la zietta): una donna di mezz’età i cui interessi principali sono l’aerobica e gli sceneggiati televisivi coreani.

Il legame tra Ajoomma e televisione è peraltro molto stretto: intanto la protagonista, Lim Bee Hwa, è interpretata dalla brava attrice televisiva Hong Hui Fang, ed il suo personaggio parte per un viaggio organizzato in Corea nei luoghi propri degli sceneggiati più noti; nel film inoltre, è presente, in un lungo e prezioso cameo, il popolare attore Yeo Jin-goo, famosa star di Link: Eat, Love, Kill e altre serie tv coreane. Ma oltre a questa connessione, Ajoomma è un film che parla di emancipazione femminile: Lim ha un figlio ormai grande, e dopo aver rinunciato alla propria indipendenza per crescerlo, si ritrova drammaticamente sola: distaccato già in casa, Sam (Shane Pow) parte per l’America (per un colloquio di lavoro e non solo), rinunciando al viaggio promesso (e già organizzato) alla madre. Una telefonata dell’agenzia cambierà le cose: Lim deciderà infatti di partire lo stesso, da sola. Coraggiosamente, come le viene ripetuto spesso dalle altre viaggiatrici; nonostante i progressi fatti nel campo della emancipazione femminile, infatti, una donna che viaggia da sola (come una che, sola, vada al ristorante) è ancora considerata una singolarità.

Ma Lim, aliena al mondo reale al di fuori delle sue amate serie romantiche televisive, dimostrerà una forza insospettabile ed una capacità di adattarsi alle difficoltà ed agli imprevisti che porteranno il suo viaggio in una direzione del tutto inaspettata. Dimenticata infatti per le strade della città da una giovane e distratta guida turistica, Kwon-woo (Kang Hyung-suk), troverà l’aiuto della guardia sicurezza Jung Su (Jung Dong-hwan); tra loro si stabilisce ben presto un rapporto empatico tra due persone sole, descritto con garbo e delicatezza, soprattutto nei momenti passati a casa di Jung Su e del suo anziano e adorabile cane Dookie. Una serie di improbabili ed irresistibili imprevisti incrocerà le vite dei tre protagonisti, intrecciando la commedia con un poliziesco fatto di fughe ed inseguimenti, sino al non scontato finale.

Ajoomma è una commedia dal ritmo serrato che prende i giusti afflati per dare profondità ai personaggi principali, grazie anche ad una fotografia accurata ed intensa e ad una colonna sonora che dà risalto ai singoli momenti della storia; è anche una commedia di crescita personale ed emancipazione, mostrando una protagonista che prende via via in mano la propria vita sino al completo cambiamento al ritorno a casa. Un film tutt’altro che superficiale nonostante i toni leggeri, che diverte molto ma altrettanto fa riflettere sulle svolte, impreviste o volute, della vita di ognuno.

Michela Aloisi

Articolo precedenteWay of Life
Articolo successivoCatarsi, Ascensione & Hell Raving

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattordici − 1 =