Togo – Una grande amicizia

0
7.5 Awesome
  • voto 7.5

Avventura tra i ghiacci

Disney + è finalmente arrivato sul nostro territorio e ha portato con sé una ventata di nuovi prodotti già conosciuti al pubblico americano. Tra questi, c’è un interessante film già destinato ad essere un piccolo capolavoro all’interno della piattaforma. Stiamo parlando di Togo – Una grande amicizia, diretto da Ericson Core con protagonista un sempre straordinario Willem Dafoe.
La storia ci porterà tra i ghiacci dell’Alaska negli anni venti del Novecento. Leonhard Seppala (Dafoe) è un musher, un guidatore di slitta trainate da cani. La sua muta di cani è guidata dal bellissimo esemplare di Husky Siberiano chiamato Togo, un cane al quale è indissolubilmente affezionato. La sceneggiatura, scritta da Tom Flynn, non sembra tanto diversa da un film che già conosciamo. Ci riferiamo a Balto, il capolavoro di animazione del 1995 sul cane lupo divenuto famoso durante la cosiddetta “corsa al siero”. Il film della Disney tuttavia, non è affatto un tributo al celebre cane lupo, ma intende distruggerne la leggenda concedendo la platea all’eroe denigrato. Sperduti in una cittadina innevata nelle tundre dello stato nordamericano, Seppala e Togo saranno chiamati ad un lunghissimo viaggio per recuperare un vaccino per sconfiggere un’epidemia virale che colpisce i bambini del luogo. Seppur riluttante, il musher accetta e si incammina per la sua strada assieme alla sua slitta guidata dal suo fedele amico a quattro zampe. Come in Balto, anche Togo e il suo padrone affronteranno i pericoli che affliggono le desolate lande innevate dell’Alaska.
A differenza del cartone dell’Amblin Entertainment, il lungometraggio della Disney alternerà scene al tempo presente con dei flashback in cui il protagonista racconterà come si è venuta a creare l’amicizia con il suo cane. Un legame sentimentale capace di arrivare dritto al cuore dello spettatore, molto simile a quello visto in Hachiko. Pertanto, chi si emoziona facilmente a questo genere di storie, troverà molto commoventi i momenti vissuti tra l’uomo e l’animale. Proprio questo forte attaccamento è al centro della narrazione del film proposto dalla piattaforma Disney, che rimane ancora fedele alle sue direttive proponendo titoli adatti ad ogni genere di pubblico. Togo risulta quindi la prima intensa opera che la Disney ci propone, svelando i suoi piani per il futuro. Seppur sia un film ad alto impatto emotivo, ci sono alcune imperfezioni che non intaccano comunque la profondità di un lavoro ben riuscito. L’uso della computer grafica in alcune situazioni è abbastanza eloquente e l’andamento del lungometraggio è, in alcuni frangenti, piuttosto lento. Ma Togo è il simbolo attraverso cui la Disney fa risorgere la leggenda di Balto, elevando il cane protagonista del film a nuova personaggio a quattro zampe, in seguito riconosciuto anche da Time nel 2011. Una storia bellissima, vera, toccante, condita dalla presenza di un attore straordinario, e in grado di mostrare al mondo le potenzialità dei prodotti che verranno inseriti nella libreria della piattaforma. Netflix e Amazon sono avvisate. Ora c’è un nuovo concorrente.

Stefano Berardo

Leave A Reply

1 × 3 =