In Purgatorio

0
8.0 Awesome
  • voto 8

Anime perse in una valle di lacrime e di ossa

Chi ha già una certa dimestichezza e familiarità con le opere di Giovanni Cioni non potrà che accogliere con piacere l’iniziativa editoriale voluta dal portale Cinemaitaliano.info, ossia la distribuzione in home video di uno dei documentari più suggestivi e poetici della sua preziosa filmografia. Si tratta di In Purgatorio, realizzato nel 2009 dal regista nato e cresciuto a Parigi, selezionato e premiato in una serie di importanti vetrine festivalierie internazionali tra cui quella di Cinéma du Réel, la stessa che due anni dopo in quel di Nyon ha organizzato una retrospettiva completa dei suoi lavori. Filmografia, questa, che nel frattempo si è andata ad arricchire di altre magnifiche perle che rispondono ai titoli di Per Ulisse e Dal Ritorno. Per cui, l’uscita in Dvd rappresenta un’occasione da non farsi sfuggire per aggiungere un altro straordinario esempio di “cinema del reale” made in Italy alla vostra videoteca. Purtroppo c’è da registrare l’assenza totale di contenuti extra, ma la forza e la bellezza sprigionate dall’opera sono per quanto ci riguarda sufficienti a colmarla. Se in occasioni analoghe, il voto complessivo avrebbe avuto una sostanziale e significativa flessione dovuta a tale mancanza, nel caso del Dvd di In Purgatorio abbiamo deciso di attribuire comunque un giudizio numerico elevato, proprio per sottolineare i meriti di una pellicola che non ha bisogno di orpelli per essere compresa e apprezzata per ciò che è. In tal senso, il suo approdo nel mercato home video ha una duplice valenza: da una parte consente a coloro che conoscono il cinema di Cioni di poterne godere a pieno, dall’altro la possibilità per coloro che non hanno mai avuto alcun contatto diretto (o solo occasionale) con il suo modo di pensare e concepire la Settima Arte, di apprezzarlo fino in fondo.
Ne In Purgatorio, Cioni si avventura in un viaggio in una Napoli altra, misteriosa e affascinante,  mettendo volutamente da parte qualsiasi riferimento criminoso. La città che descrive è quella dei vicoli dei Tribunali, dei Quartieri Spagnoli, della Sanità e di Montesanto, ma soprattutto del Cimitero di Poggioreale e del cosiddetto “Limbo dei bambini”. Il regista francese li attraversa, scendendo persino nelle viscere del sottosuolo per ritrarre il culto dei morti del Purgatorio tanto caro ai partenopei, alla ricerca di un tempo perduto che è un interrogarsi su ciò che resta di quanto non è più con noi.
Questo tour fisico, mnemonico, empatico e spirituale, diventa lo specchio che riflette in maniera cristallina un modus operandi personale e fortemente riconoscibile. Ciò che transita sullo schermo è, infatti, l’espressione di un modo di fare cinema in tutto e per tutto libero da schemi produttivi e artistici, tanto narrativamente quanto visivamente. Libertà che su entrambi i fronti trova linfa vitale nel puro istinto, ma anche nella grandissima capacità di sapere ascoltare e osservare. La videocamera si fa presenza discreta, ectoplasmatica nel suo muoversi, mimetizzarsi e posizionarsi, per imprimere suoni e fotogrammi. Quello di Cioni è uno sguardo sincero e onesto sulla realtà, sulle cose e sulle persone che di volta in volta incrocia lungo la strada che ha deciso di percorrere drammaturgicamente e tematicamente. Caratteristica, questa, che coerentemente figura in tutte le sue opere, dando forma e sostanza a una vera e propria poetica. L’empatia che ne scaturisce rappresenta il cuore pulsante (in Per Ulisse raggiunge il suo apice). Nel caso del documentario del 2009, il tutto si manifesta nell’approccio rispettoso e partecipe che il regista dimostra di avere nei confronti delle umanità e delle credenze che ha incontrato. Il crederci o no, importa poco, di conseguenza non si evince mai alcun tipo di giudizio in merito, perché il fine ultimo del film è un altro, ossia la voglia di raccontare con immagini e parole una serie di luoghi popolati da anime perse e da persone che nel sostenerle in questo vagare in un limbo ultra-terreno continuano a sperare in una vita migliore.

Francesco Del Grosso

In-Purgatorio-dvd-cover  In Purgatorio

 Regia: Giovanni Cioni

 Italia, Francia, Belgio 2009  Durata: 72′

 Lingua: Italiano  Sottotitoli: Inglese

 Formato: 4/3

 Distribuzione: Cinemaitaliano.info

Leave A Reply

16 − 5 =