Isabelle Fuhrman

Archivio in sala
5.5
0

Da Stephen King – qui anche sceneggiatore – un horror indeciso tra metafore alte e ruspante serie B, non troppo efficace su entrambi i versanti.