alexander fehling

Archivio in sala
6.5
0

Il candidato tedesco agli Oscar, mirabile per il tema trattato, è ferito da scrittura e regia dell’esordiente Ricciarelli, di rado capaci di andare in profondità.