Andrew Renzi

Archivio in sala
5.5
0

Il buon Richard Gere monopolizza un (melo)dramma asfittico e scontato, nonostante la confezione patinata voluta dall’esordiente Andrew Renzi.