Home Festival Altri festival The G

The G

28
0
VOTO: 7,5

G come giustiziera

Hell or High Water, Iron Man 3, La promessa, Un gelido inverno, Breaking Bad e tanto tantissimo altro nella sua ricchissima e variegata carriera. Eppure nessuno, in oltre trent’anni di attività, nonostante una bravura indiscussa ampiamente certificata e centoquaranta progetti alle spalle tra piccolo e grande schermo, aveva mai pensato di affidare a Dale Dickey un ruolo da protagonista. Sempre e soltanto, per quanto ci riguarda colpevolmente, relegata a comprimaria di lusso. Ciononostante ha saputo lasciare il segno ogni volta che è stata chiamata in causa. Ma non è mai troppo tardi per rimediare e nel caso dell’attrice statunitense ci ha pensato Karl R. Hearne a rimediare al torto affidandole il personaggio principale della sua opera seconda dal titolo The G. E non è un caso che la Dickey abbia ripagato la fiducia con una grandissima performance che, oltre a rappresentare il valore aggiunto del film, le è valsa il premio per la migliore interpretazione femminile nella sezione “Panorama Internazionale” della 15esima edizione del Bif&st con la seguente motivazione: «Per il coraggio e l’ostinazione con cui tiene insieme l’estrema durezza e una segreta, perversa, tenerezza plasmando l’eroina più sorprendente di un concorso, mai come quest’anno, ricco di figure femminili chiamate a riempire i vuoti sempre più profondi della nostra scena sociale».
La motivazione della giuria presieduta da Maurizio Porro che ha accompagnato il meritatissimo riconoscimento vinto alla kermesse pugliese ha sottolineato tanto l’importanza e il peso specifico del personaggio quanto le diverse sfumature caratteriali che l’attrice di Knoxville è riuscita a fare emergere attraverso la sua interpretazione, quella di un’ex alcolizzata di nome Ann Hunter, alias G, che insieme a suo marito si è trasferita in un sobborgo americano senza nome per essere più vicina alla famiglia. Un giorno, scoprono che la loro casa e tutto ciò che possiedono sono stati presi di mira da funzionari corrotti che lavorano con strutture di assistenza agli anziani. La loro casa viene espropriata e la coppia viene trasferita in una casa di riposo simile a una prigione. La donna capisce che l’unica via d’uscita da questo inferno in terra è mostrare i suoi artigli con l’aiuto della sua amata e fedele nipote Emma. Con il suo aiuto e riattivando contatti con quel passato malavitoso che si era lasciata alle spalle, la donna mette escogita un piano per evadere da quella struttura e vendicarsi del tutore legale corrotto che le ha rovinato la vita.
Insomma un incrocio tra la Laura Oliver della serie Frammenti di lei e il Tom Stall di A History of Violence per creare il codice genetico di un personaggio e del film che mescolano senza soluzione di continuità il dramma, il revenge movie e il thriller. Un mix originale e avvincente, dal quale emerge un umorismo nero che si punta il dito contro tutto ciò che accade oggi in un sistema marcio e in una società malata. Questo perché ciò che viene raccontato e mostrato in The G, anche se romanzato, non è tutto frutto dell’immaginazione del regista e sceneggiatore canadese di origini irlandesi. Storie, dinamiche e personaggio sono infatti ispirati a eventi reali e all’esperienza familiare dell’autore, in particolare a quella di sua nonna. È lei la figura dal quale Hearne ha attinto per plasmare e delineare il profilo caratteriale della protagonista, che una straordinaria Dale Dickey ha fatto sua per poi cucirsela addosso e portare sullo schermo una giustiziera della notte sui generis.
Con e intorno al personaggio, il cineasta canadese costruisce un noir dalle tinte forti che gioca con gli stilemi del filone e con quelli mistery e della classica storia di vendetta. Passando attraverso una veste di cinema di genere piuttosto accentuata giunge a una dimensione socio-politica che consente all’opera di affrontare senza mezze misure un tema scomodo, quello delle truffe ai danni degli anziani che quotidianamente vengono raggiunti da incredibili e scioccanti misure restrittive che li privano dei propri bene e soprattutto della libertà. Ciò fa di The G un film anche utile, capace di fare suonare un campanello d’allarme che speriamo qualcuno oltreoceano decida finalmente di ascoltare.

Francesco Del Grosso

Articolo precedentePriscilla
Articolo successivoThe Golden Thread

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

nove + diciassette =