Mito

Archivio in sala
7.0
0

Nonostante qualche passaggio a vuoto di scrittura, il “peplum” firmato da Matteo Rovere può dirsi operazione pienamente riuscita.