Budapest

Archivio in sala
7.0
0

Pur con qualche piccolo cedimento, la metafora sociale ed ecologica di White God conferma il particolare talento di Kornél Mundruczó , disposto qui a raccontarci un’iperbolica ribellione canina.