Home Festival Altri festival Sognielettrici – Festival dell’immaginario fantastico e di fantascienza 2023: presentazione

Sognielettrici – Festival dell’immaginario fantastico e di fantascienza 2023: presentazione

76
0

Cinema dal futuro

Dopo il successo della prima edizione, torna Sognielettrici, festival dell’immaginario fantastico e di fantascienza che si terrà da lunedì 16 a sabato 21 ottobre 2023 all’Università IULM di Milano. La seconda edizione di Sognielettrici manterrà la stessa formula con due sezioni competitive dedicate a lungometraggi e cortometraggi internazionali in anteprima, presentati in lingua originale con sottotitoli italiani, una retrospettiva tematica, incontri e ospiti. Inoltre, si arricchirà di una sezione dedicata alla produzione audiovisiva realizzata con l’ausilio dell’Intelligenza Artificiale. L’obiettivo è quello di indagare le possibilità artistiche dell’AI e aprire un dibattito sugli usi futuri di questo (fanta)scientifico strumento.
Il Concorso Lungometraggi propone una panoramica sulla produzione fantastica e di fantascienza internazionale con dieci titoli provenienti da quattro continenti, già apprezzati nei più prestigiosi festival di cinema mondiali. È il caso della fiaba nera slovacca Nightsiren vincitrice del Pardo d’oro nella sezione Cineasti del presente del Locarno Film Festival, della new wave greca virata alla fantascienza di Embryo Larva Butterfly presentata al Festival Internazionale del Cinema di Karlovy Vary, il folk fantasy nigeriano in bianco e nero Mami Wata vincitore del premio per la migliore fotografia al Sundance Film Festival, l’inebriante realismo magico ispano-statunitense Tobacco Farms premiato con il South by Suthwest Audience Awards e come miglior storia femminile al San Sebastián International Film Festival, il gelido postapocalittico canadese Polaris, plurivincitore al Sydney Science Fiction Film Festival. Non mancheranno cineasti conosciuti come Steven Soderbergh, in veste di produttore dell’opera di Eddie Alcazar Divinity, presentata al Sundance, con Bella Thorne, Stephen Dorff e Scott Bakula, e come il giapponese Takashi Shimizu, autore della saga The Grudge, con l’horror virtuale Immersion. Concludono la selezione l’ipnotico danese The Great Glitch, il catastrofico slovacco Brutal Heat e la romantica fantascienza ungherese Seeing What You See.
Il Concorso Cortometraggi propone venti titoli provenienti da tutto il mondo, tra live action e animazione, capaci di esprimere un singolare punto di vista attraverso l’immaginario fantasy e fantascientifico. Tra questi anche due presenze italiane: Doom di Rita Casdia ed Emesi primordiale di Tiziana Napoli e Chiara Covello. Tra i titoli spiccano produzioni di rilevanza internazionale come l’inglese Villain con protagonista Bella Ramsey, già nota al grande pubblico per le serie The Last Of Us e Il trono di spade, titoli provenienti da Paesi vicini, come il ceco Electra, e lontani, come l’indonesiano Roh, senza dimenticare le tecniche di animazione tradizionali, come la stopmotion cinese di Innermost, e quelle innovative come la claymation dell’olandese Hooba.
La selezione di lungometraggi e cortometraggi – dichiara il direttore artistico Stefano Locati – offre uno spaccato elettrizzante di immaginari culturali e sociali provenienti da tutto il mondo. Ci interessa esplorare spazi di invenzione speculativa alternativi e non omologati, mettendo in comunicazione idee di fantastico e fantascienza spettacolari e inedite”.
I lungometraggi concorrono ai Premi Ciciarampa che saranno assegnati da una giuria composta dal fumettista Antonio Serra, il regista Simone Scafidi e la critica e saggista Cristina Resa. La giuria cortometraggi sarà composta da studentesse e studenti del corso di Laurea magistrale in Cinema, Televisione e New Media dell’Università IULM, coordinati dalla ricercatrice e docente Chiara Grizzaffi. I premi saranno annunciati e consegnati durante la cerimonia di chiusura alle 20.30 di sabato 21 ottobre.

Francesco Del Grosso

Riepilogo recensioni dalla seconda edizione di Sognielettrici

Concorso Lungometraggi

Seeing What You See di Mátyás Szabó

Nightsiren di Tereza Nvotová

Tobacco Farms di Rocio Mesa

Immersion di Takashi Shimizu

Embryo Larva Butterfly di Kyros Papavassiliou

Divinity di Eddie Alcazar

Polaris di Kirsten Carhew

Articolo precedenteEight Eyes
Articolo successivoA passo d’uomo

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × 2 =