Pop Corn – Festival del Corto 2022: presentazione

0
Awesome

Cinema breve e grandi emozioni sotto il cielo dell’Argentario

Arrivano dal Sundance Film Festival, dalla Mostra del Cinema di Venezia, dal Torino Film Festival e dalla Festa del Cinema di Roma i cortometraggi selezionati per la quinta edizione del Pop Corn – Festival del Corto, l’evento internazionale dedicato alla cinematografia breve in programma dal 22 al 24 luglio a Porto Santo Stefano, sul promontorio dell’Argentario. Una manifestazione alla quale Cineclandestino, da sempre attenta al mondo del cortometraggio e ai suoi autori, prenderà parte per la prima volta con recensioni, interviste e approfondimenti sul campo. 20 i film in concorso, 14 corti d’autore e 6 opere prime, che concorreranno anche al Premio Raffaella Carrà, l’unico riconoscimento istituito in Italia dalla Carrà, affezionata sostenitrice dell’iniziativa. Tre giorni di proiezioni gratuite affacciate sul mare nel suggestivo Piazzale dei Rioni, presentate dall’attore Andrea Dianetti, con l’organizzazione di Associazione Argentario Art Day e il patrocinio e il contributo del Comune di Monte Argentario.

Legàmi, connessioni senza tempo: è questo il tema dell’edizione. In un mondo rapido e effimero, una riflessione sulle relazioni che vanno al di là del tempo e dello spazio. Storie uniche che saranno valutate da una giuria di professionisti del cinema, presieduta dallo scrittore, sceneggiatore e regista Federico Moccia e composta, tra glia altri, dal pluripremiato montatore Marco Spoletini. Tra i titoli da segnalare, nella sezione Corti d’autore il film d’animazione su due giovani rifugiati, che vanta la colonna sonora originale di Sting, Footsteps on the Wind di Maya Sanbar, Faga Melo e Gustavo Leal; dai David di Donatello l’italiano Notte romana, film di Valerio Ferrara; per la sezione Opere prime in programma Dad’s Sneakers, opera del regista ucraino Olha Shurba applaudita a Locarno.

Siamo molto soddisfatte della selezione di quest’anno – racconta Francesca Castriconi, ideatrice e direttrice del festival – è il risultato di un lunghissimo lavoro su più di 3500 film arrivati in pochi mesi da 114 paesi diversi. Una conferma dell’interesse che ruota attorno al Pop Corn, sia per l’opportunità che fornisce ai registi emergenti, sia per i riconoscimenti prestigiosi”. Oltre al premio Raffaella Carrà, che mette in palio 4000€ per il corto nato dall’idea più originale, confermati anche i premi alMiglior Cortometraggio in ciascuna categoria, con 1000€ ciascuno. Previsti inoltre i Premi Panlight, dal valore di 5000€ e 3000€ per il noleggio di attrezzature cinematografiche, oltre al riconoscimento del pubblico e al Premio Commissione Pari Opportunità del Comune di Monte Argentario.

In linea con lo spirito dell’evento, il manifesto della quinta edizione è realizzato dall’artista californiano Tyler Spangler, che con la sua estetica fatta di colori saturi e vibranti, ispirata alla cultura punk e surf, ha realizzato collage digitali per clienti come Adobe, Hermès, Nike e Instagram. Tra le sue opere il Pop Corn ha scelto “Peaking Through”, uno sguardo che punta in alto, la vista come primo tra i sensi per connettersi con il mondo del cinema e con le persone.

Non ci resta che darvi appuntamento alla tre giorni toscana nella splendida arena a cielo aperto di Porto Santo Stefano, dove immagini, suoni e parole regaleranno al pubblico presente una serie di emozioni indimenticabili.

Francesco Del Grosso

Riepilogo recensioni dalla quinta edizione del Pop Corn – Festival del Corto

Corti d’Autore

Big di Daniele Pini

Free Fall di Emmanuel Tenenbaum

Footsteps on the Wind di Maya Sanbar, Faga Melo e Gustavo Leal

Azul di Emilio Martínez-Borso

Don vs. Lightning di Big Red Button

Techno, Mama di Saulius Baradinskas

Warsha di Dania Bdeir

Ofelia di Pierfrancesco Bigazzi

Opere prime

U figghiu di Saverio Tavano

Approfondimenti

Intervista a Francesca Castriconi 

Il palmares

Leave A Reply

quindici − tredici =