Mama’s Home Cooking VS Trapstar

0
8.0 Awesome
  • VOTO 8

Niente batte la cucina della mamma

Menzione speciale “per l’interpretazione tra tradizione e contemporaneità” nella “categoria experimental” della 2ª edizione del frizzante HipHopCineFest, l’originale Mama’s Home Cooking VS Trapstar di Owen Elijah Brown (USA) diverte e appassiona, lasciando il finale aperto con un intrigante ‘To be continued…’.

L’HipHopCineFest è un connubio perfettamente equilibrato tra cinema, arti grafiche e intrattenimento; e questo cortometraggio, tra fantafiction e video musicale, con un unico interprete e tanta animazione, si colloca a pieno titolo nell’espressione del movimento artistico e culturale che dà nome e titolo ad un festival giovane e spumeggiante.

Il protagonista, il giovane Owen Elijah Brown III, è regista, sceneggiatore, produttore, attore e voce di tutti i personaggi, tra alieni classici, un leone parlante, un hip-hop-alien di Brooklyn che rappa e vola a velocità warp e un pericoloso delizioso gattino; rapito dagli alieni mentre sta rientrando affamato a casa, dove la mamma lo aspetta con i suoi manicaretti preferiti, viene rilasciato nella savana africana a tu per tu con un leone parlante e danzante, salvato dall’alieno rapper, conosce il famigerato Trapster e precipita nel deserto con l’astronave, tra musica, fumo e brillanti effetti colorati che rendono il brioso e assurdo cortometraggio assolutamente irresistibile. Speriamo che il successo ottenuto sia la spinta per riprendere la storia dove si è interrotta: tutti, in fondo, vogliamo sapere se riuscirà a tornare dalla madre per gustare le leccornie che ha preparato per lui; perché non c’è alieno che batta la cucina della mamma.

Michela Aloisi

Leave A Reply

10 + 7 =