Home Festival Altri festival K2 and the Invisible Footmen

K2 and the Invisible Footmen

33
0
VOTO: 7.5

La scalata, dalla parte di facchini e portatori

La qualità già mediamente alta dei documentari presentati quest’anno ad Asiatica Film Mediale ha trovato forse il suo picco (termine quanto mai appropriato, visto l’argomento che andremo ora a introdurre) in K2 and the Invisible Footmen, un lavoro cinematografico che Lara Lee, film-maker da sempre attenta al sociale, ha realizzato portando a termine uno sforzo encomiabile sia dal punto di vista etico che da quello squisitamente tecnico, logistico.

Le didascalie e le immagini iniziali trascinano immediatamente lo spettatore alle pendici del K2, per un viaggio che avrà poi risvolti inaspettati. Non sarà infatti il ruolo dei grandi scalatori internazionali a costituire l’oggetto di tale ricerca. Un po’ come nelle opere documentarie di Michael Glawogger, il grande cineasta austriaco recentemente scomparso, l’asse del racconto è spostato con decisione dalla parte degli ultimi della Terra, delle vittime della globalizzazione, di coloro che le leggi del mercato hanno relegato a compiere lavori di grande fatica, talvolta anche rischiosi, per il proverbiale tozzo di pane. Tali soggetti sono nella fattispecie i facchini, i portatori che in Pakistan accompagnano scalatori europei, americani, giapponesi e di altri paesi industrializzati nelle prime fasi della difficile conquista del K2, impresa molto ambita ma che nel corso degli anni ha prodotto decine di morti.
È un po’ come se Everest, il pur dignitoso e avvincente blockbuster in 3D diretto dall’islandese Baltasar Kormákur, trovasse qui il suo ideale controcampo, e non soltanto per la differente vetta in cui è ambientata la storia: nel prodotto hollywoodiano da noi citato sono i destini dei (più o meno) ricchi alpinisti occidentali al centro della scena, mentre questo non meno appassionante documentario ci fa conoscere da vicino le vite, le facce, le fatiche, di quei poveri e oltremodo resistenti lavoratori asiatici che mettono a repentaglio le proprie vite non per la gloria sportiva, ma per mantenere se stessi e la famiglia.
Eppure, in K2 and the Invisible Footmen c’è spazio per raccontare anche delle più recenti spedizioni organizzate per portare sulla cima del monte, il secondo in altezza tra i celebri “8000”, alcuni di quegli scalatori pakistani posti fino ad allora al servizio di altri; ed è interessante che in buona parte i finanziatori di simili imprese, quasi a ripagare un debito storico, siano stati italiani, così come italiani furono i primi alpinisti a raggiungere, il 31 luglio 1954, la vetta di questa montagna del Karakorum mai violata prima: parliamo ovviamente di Achille Compagnoni e Lino Lacedelli, due componenti della spedizione italiana guidata allora da Ardito Desio.

Detto questo, risulta evidente che a Lara Lee, cineasta brasiliana di origini coreane che ad Asiatica Film Mediale si è intrattenuta a lungo a parlare col pubblico, non interessasse tanto comunicare i contorni epici e avventurosi di tutte queste vicende, quanto piuttosto i risvolti umani, l’impatto a livello sociale, gli aspetti che insomma vengono ritenuti generalmente meno appetibili dai mass media. Ed è proprio questo ritratto controcorrente, profondamente umanista, di una popolazione pakistana troppo spesso identificata quale focolaio di fondamentalismi religiosi e poco altro, a rendere ancora più lodevole l’intera operazione; un’operazione cinematografica che, peraltro, si avvale di alcune riprese in quota davvero meravigliose e per niente facili da girare. Complimenti alla troupe anche per questo. E non a caso i titoli di coda del film sono “scortati” fino alla fine da preziose immagini del backstage, in cui a essere celebrato è l’utilizzo di droni, teleobiettivi e altri strumenti di ripresa, senz’altro complessi da gestire ad altitudini superiori ai 5000 metri.

Stefano Coccia

Articolo precedenteA Simple Goodbye
Articolo successivoMi gran noche

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 + 8 =