Grimsby – Attenti a quell’altro

0
7.5 Awesome
  • voto 7.5

Aspettarsi l’inaspettato

Non ce ne vorrà il buon Louis Leterrier, regista di Grimsby – Attenti a quell’altro, se concediamo la paternità del film esclusivamente all’attore/sceneggiatore Sacha Baron Cohen. Ormai da qualche anno, infatti, il nativo della periferia londinese è rimasto l’unico portabandiera di una comicità estrema e davvero urticante, con tanti saluti ai fratelli Farrelly o a chiunque abbia provato, di recente, a cimentarsi con un genere particolarmente in auge negli anni settanta-ottanta, grazie al divino John Waters o al John Landis del primo periodo artistico, magari accompagnato dal trio composto dai fratelli Jerry e David Zucker con Jim Abrahams.
Dopo i fasti della satira sul Potere presente nell’irresistibile Il dittatore (2012) diretto da Larry Charles, stavolta tocca al genere spy-action essere preso come fonte d’ispirazione per imbastire una storia senza capo né coda ma proprio per questo motivo divertente in maniera “oltraggiosa”, libera e senza vincoli di sorta. Assistere ad un film di Baron Cohen – ci perdoni ancora Leterrier, comunque ottimo nelle riprese squisitamente d’azione, dato che supponiamo sia stato scelto anche per questo motivo – ormai sta diventando un piacere unico, un po’ come visitare un luna-park ed andare sulle montagne russe attraversando un tunnel stracarico di bellezze di estrazione scatologica. Talmente tali, nonché consapevoli di esserlo, da raggiungere un grado di perfezione da rasentare il sublime. In The Brother Grimsby – questo il titolo originale: Grimsby è un depresso, economicamente parlando, paesino vicino Manchester, location ideale per un film alla Ken Loach – facciamo la conoscenza di Nobby (lo stesso Baron Cohen in un look meravigliosamente simile a quello dei fratelli Gallagher in versione Oasis) e di Sebastian (l’eccellente Mark Strong), inseparabili fratelli rimasti orfani in tenera età e divisi dal destino a seguito della morte dei genitori. L’uno, Nobby, è rimasto a Grimsby divenendo un fancazzista senza paragoni, ultrà di calcio e strenuamente impegnato nella procreazione con la sua partner assai in carne. Mentre Sebastian, beneficiato dalla generosità di Nobby (occhio ai numerosi flashback che percorrono a ritroso la loro storia…) è diventato un super agente segreto del servizio di Sua Maestà. Dopo quasi trent’anni si incontreranno di nuovo e saranno faville, in tutti i sensi possibili e immaginabili.
Come di consueto l’ultima “follia” cinematografica di Baron Cohen getta nel simbolico calderone di tutto e di più, prendendo letteralmente a cazzotti il cosiddetto politicamente corretto. Ecco allora bambini israelo-palestinesi con il virus HIV simbolo di pace del mondo presi a pistolettate e gettati giù dagli spalti di uno stadio. Star filantropiche dalla bellezza perfetta (Penolope Cruz) rivelarsi terribili esecutrici di un nuovo ordine mondiale che prevede lo sterminio delle fasce deboli – leggi gli obesi proletari – per fare “un po’ più di spazio fisico” ai potenti del pianeta. E nel cataclismatico, travolgente finale, ambientato in Cile durante un’ipotetica finale del Campionato del Mondo di Calcio tra Inghilterra e Germania (vecchie nemesi che ritornano!) ecco che Grimsby assume anche uno spessore politico che in partenza si sarebbe potuto solamente intuire, facendo della lotta di classe uno strumento sia di riflessione che di massima ilarità. Inutile raccontare oltre, perché le sequenze di culto non mancano a cominciare da quella, ormai celeberrima, che vede i due fratelli in trasferta africana rifugiarsi nella “ospitale” vagina di un’elefantessa. Però in calore…
Passato dunque troppo sotto silenzio al momento dell’uscita in sala, Grimsby – Attenti a quell’altro merita un recupero quasi obbligato in home video, in una versione peraltro brillantissima edita da Universal Pictures che prevede una serie di extra uno più divertenti dell’altro, a partire dal tradizionale “Making of” fino ad arrivare a quello intitolato “L’elefante nella stanza”, capace di spiegare in dettaglio la sequenza a cui accennavamo poc’anzi. Un film da non perdere anche perché vi compare, in un cameo capace di regalare grandi soddisfazioni ai suoi detrattori (parecchi…) nientedimeno il candidato presidenziale statunitense Donald Trump. Della serie: per aprire del tutto gli occhi non è ancora troppo tardi. Anche per merito di Sacha Baron Cohen…

Daniele De Angelis

Grimsby-BR-coverGrimsby – Attenti a quell’altro
Regia: Louis Leterrier  UK, USA, Australia 2015
Cast: Sacha Baron Cohen, Mark Strong  Durata: 83′
Lingue: Inglese, Italiano 5.1 DTS HD Master
Sottotitoli: Italiano, Inglese, lingue varie
Formato: HD (2.39:1) 1920 per 1080p
Extra: Making of, Scarti divertentissimi. Per l’edizione blu ray: Scene eliminate, I blooper, L’elefante nella stanza
Distribuzione: Universal Pictures Home Video

 

Leave A Reply

tredici + 13 =