Home Festival Altri festival Cette Maison

Cette Maison

192
0
VOTO: 7,5

Un acquerello senza tempo che narra la vita e la morte

Con Cette Maison, selezionato alla ventesima edizione delle Giornate del Cinema Quebecchese in Italia, la regista Miryam Charles porta lo spettatore a fare un viaggio nel tempo tra l’onirico ed il teatrale per raccontare la biografia immaginaria della cugina, scomparsa nella sua casa a Bridgeport nel 2008, a soli 14 anni. Trovata impiccata nella sua casa, l’autopsia scarta l’iniziale ipotesi di suicidio per rivelare un destino più crudele: la ragazza è stata infatti vittima di violenza sessuale e strangolamento, ma il caso rimarrà irrisolto.

La regista si avvale di sfasamenti temporali, sovraimpressioni che trasformano nudi lenzuoli in isole, scenografie teatrali che si alternano a grandi panorami, fotografie che prendono vita, per far raccontare alla stessa Tessa la sua storia; una Tessa senza età né dimensione che narra e dialoga con la madre in lutto, racchiudendo entrambe in una tasca della realtà dove vita e morte si incontrano. Dalla piccola serra ricolma di fiori, dall’anturia all’ibisco, dal gelsomino alle orchidee, Tessa e la madre Valeska si ritrovano in una rigogliosa e selvaggia Haiti, poi nella casa in Quebec, quindi di nuovo in Connecticut, ad affrontare la realtà di un freddo obitorio appena accennato. Tutto in Cette Maison è stilizzato, dalle scenografie che ricordano Dogville di Lars Von Trier al quadro con l’immagine di Haiti che diventa un tunnel verso il passato ed un impossibile futuro. Un film dipinto a pennellate di colore come un’opera a metà tra impressionismo e espressionismo, che non punta ad una narrazione cronografica ma si sviluppa piuttosto come un profondo respiro sino a toccare le corde dell’empatia.

Nel mezzo, riferimenti temporali precisi come il referendum del Quebec del 1995 e le migrazioni della famiglia di origine haitiana dal Connecticut al Canada e viceversa, la data di nascita di Tessa che si ripete continuamente, come punto fermo di una ragazza cui la vita è stata spezzata e la cui anima non ha forza di ricostruire l’accaduto; e della sua morte non avremo dettagli, ma solo impressioni che si sprigionano da immagini stilizzate e irradiano la realtà dandole la consistenza di un acquerello adimensionale in un tempo senza tempo.

Michela Aloisi

Articolo precedenteDanavan
Articolo successivoViking

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

due + 8 =