Home Festival Altri festival Bowling Saturne

Bowling Saturne

55
0
VOTO: 8

Cacciatori

Il 2022 non si è ancora chiuso, ma nella top ten dei migliori film dell’anno stilata da Cahiers du Cinéma, una delle Bibbie più autorevoli per chi fa critica e per chi la legge, ha già trovato una collocazione, per la precisione sul sesto gradino della scala di gradimento della nota testata francese. Un riconoscimento importante e prestigioso, questo, che va ad aggiungersi ai numerosi consensi raccolti tra gli addetti ai lavori e non nel circuito festivaliero internazionale dalla pellicola in questione. Si tratta di Bowling Saturne, il sesto lungometraggio di Patricia Mazuy, presentato in anteprima mondiale nella competizione del 75° Locarno Film Festival e poi in quella della 32esima edizione del Noir in Festival, dove si è aggiudicato il Black Panther per il miglior film. Dei titoli in concorso alla kermesse milanese quello diretto dalla cineasta di Digione è senza dubbio il più aderente al genere chiamato in causa, ossia a quel noir che nelle sue mani e attraverso il suo sguardo viene riesplorato nel mondo moderno, in una chiave fortemente attuale.
Al netto di contaminazioni con il crime e il serial-thriller, Bowling Saturne usa i temi e gli stilemi del genere di riferimento per entrare a gamba tesa e senza filtri nella mente dello spettatore di turno, che davanti a certe immagini non potrà di certo rimanere indifferente. Lo fa per trattare argomentazioni dal peso specifico rilevante, a cominciare dalla violenza sulle donne e il maschilismo imperante nella Società di ieri e di oggi. Argomentazioni che vengono assorbite dalla penna di Yves Thomas e della Mazuy stessa per dare forma e sostanza a una sceneggiatura chirurgica e diretta quanto la sua trasposizione. Entrambe non scendono a compromessi con nessuno, mostrando prima senza esitazione e poi non mostrandola ma facendola percepire, tutta quella violenza addomesticata dall’uomo e pronta a essere liberata.
La storia che ne racconta e ne mostra gli effetti sullo schermo è semplice, scarna e al contempo efficacissima nel puntare l’attenzione sulla fascinazione e la banalità del male, che diventano il carburante che alimenta il motore del plot al centro del film, oltre che le dinamiche di sangue che si vengono a creare tra i personaggi coinvolti, a cominciare da quello di Guillaume, un agente di polizia che alla morte del padre eredita la pista da bowling di famiglia che dona a sua volta al fratellastro Armand. Un luogo infestato da fantasmi, dove si scatena una serie di omicidi. I due fratelli, perciò, sono trascinati in un abisso pieno di demoni e dovranno fare i conti con la loro eredità. L’oscurità regna su un mondo nel quale vale solo la regola della caccia.
Una caccia che si consuma sullo schermo a più livelli: quello più superficiale delle indagini che il co-protagonista poliziotto conduce per consegnare alla giustizia il responsabile degli atroci delitti e quello più stratificato della violenza e dell’istinto brutale dell’essere umano. Se sul primo si lavora in maniera lineare per mettere in sequenza gli step del racconto e il progredire delle indagini, con il secondo si alterna al realismo duro e crudo (vedi il primo omicidio) il metaforico, dando alla caccia e al cacciatore nel senso generale e predatorio del termine una connotazione non solo materiale ma anche figurativa e sociale, diventando il male e il lato oscuro che alberga nell’essere umano.
Il tutto fa di Bowling Saturne un’opera feroce, che aggredisce il fruitore come un animale rabbioso che punta e poi attacca la sua preda. Lo costringe all’angolo, lo pone davanti ai fatti, gli mostra sino a che punto l’istinto predatorio può arrivare a spingersi quando viene meno il controllo. E a incarnare tutto questo ci pensa un inquietante Achille Reggiani, che nei panni di Armand mostra con una disturbante interpretazione l’esplosione incontrollata della violenza.

Francesco Del Grosso

Articolo precedenteIndiecinema Film Festival 2022: presentazione
Articolo successivoIl corsetto dell’imperatrice

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

6 − tre =