Bif&st 2017: presentazione

0

Novità, conferme e piacevoli ritorni

Novità, conferme e piacevoli ritorni: sono queste le parole chiave con le quali il Direttore Artistico Felice Laudadio e il suo staff hanno costruito il ricchissimo cartellone dell’ottava edizione del Bif&st – Bari International Film Festival, in programma nel Capoluogo pugliese dal 22 al 29 aprile 2017. Il risultato è una line up che, almeno sulla carta, conferma la crescita esponenziale della kermesse barese che, anno dopo anno, edizione dopo edizione, sta guadagnando sempre di più credibilità e un posto di riguardo nel circuito festivaliero nazionale e internazionale. Lo conferma l’interessamento crescente della stampa e degli addetti ai lavori, ma soprattutto l’enorme interesse manifestato dal pubblico nei confronti della manifestazione, diventata in meno di un decennio uno degli appuntamenti più attesi dell’anno.
La novità è essenzialmente una, ma di grandissima rilevanza, in primis da un punto di vista affettivo, ossia il cambio alla presidenza dovuto alla scomparsa, già alla vigilia della passata edizione, di Ettore Scola, che resta e resterà presidente onorario. La sua figura e la sua presenza, infatti, sono state fondamentali per la crescita e il consolidamento della manifestazione. Di conseguenza, il suo nome rimarrà legato a vita a quello del Bif&st. A raccoglierne il testimone, con una staffetta ideale all’insegna della continuità, è stata chiamata la regista Margarethe von Trotta, il cui nome, secondo quanto dichiarato da Laudadio nelle settimane scorse, era stato suggerito a suo tempo dallo stesso Scola come possibile successore. Scelta, quella operata dal Comitato di direzione, a nostro avviso azzeccata vista la presenza assidua della cineasta tedesca nelle passate edizioni in diverse vesti, non solo come regista di film come The Misplaced World, presentato a Bari nel 2015 nella splendida cornice del Teatro Petruzzelli.
Le conferme, tante, riguardano in primis le location (anche se quest’anno non ci sarà il Teatro Margherita, sede in passato delle mostre, degli incontri e delle conferenze stampa; al suo posto il Circolo Barion) e le sezioni. Da una parte, ritroveremo gli schermi ormai storici del Petruzzelli e del Multicinema Galleria, con il Palazzo Ex Poste che continua ad essere il luogo adibito agli incontri con gli autori e ai workshop. Sul versante delle sezioni, invece, nella line up un posto di riguardo continuano ad occuparle le Anteprime Internazionali, ben nove, tante quante le attese proiezioni serali nello storico teatro barese. Tra queste il pubblico di turno potrà scegliere fra una serie di pellicole come il legal-thriller Miss Sloane – Giochi di potere di John Madden, la spy-story Codice Unlocked di Michael Apted, il dramma Gifted – Il dono del talento di Marc Webb e La tenerezza di Gianni Amelio, quest’ultimo scelto come film d’apertura di questa ottava edizione. Una costola importante della kermesse è rappresentata poi dalle sezioni ItaliaFilmFest, dove trova spazio come ogni anno il meglio della produzione nostrana dell’ultima stagione (da Fiore di Claudio Giovannesi a Indivisibili di Edoardo De Angelis, da La pazza gioia di Paolo Virzì a Fai bei sogni di Marco Bellocchio) e una selezione di opere prime e seconde (da La ragazza del mondo di Marco Danieli a Orecchie di Alessandro Aronadio, da In guerra per amore di Pif a Smetto Quando Voglio – Masterclass di Sydney Sibilia).
Saranno nove le Lezioni di Cinema in programma tutti i giorni alle 11 dal 22 al 29 aprile. Si comincerà il 22 aprile al Teatro Petruzzelli con la Master Class di Andrej Konchalovskij dopo la proiezione del suo film più recente, Paradise. Il giorno successivo sarà la volta di Alessandro Gassmann che dopo la proiezione di Il nome del figlio di Francesca Archibugi parlerà, in particolare, di suo padre Vittorio in occasione della grande retrospettiva a lui dedicata nel corso dell’ottava edizione del Bif&st. Il 24 interverrà l’attrice Greta Scacchi dopo la proiezione del film The Player di Robert Altman da lei interpretato. Pupi Avati terrà la sua lezione il 25 aprile a seguire il suo film Una gita scolastica, mentre il 26 toccherà a Carlo e Enrico Vanzina ricordare il loro padre, Steno, presentando il suo libro “Sotto le stelle del ’44” appena pubblicato dal Centro Sperimentale di Cinematografia in occasione dei 100 anni dalla nascita del grande regista del quale verrà mostrato Un giorno in pretura. Dario Argento, dopo la proiezione della copia restaurata del celebre Suspiria, terrà la sua Master Class il 27 aprile. Fanny Ardant e Margarethe von Trotta saranno impegnate il 28 in una conversazione a due voci al termine della proiezione di Paura e amore della cineasta tedesca. Il grande attore e produttore francese Jacques Perrin, cui il Bif&st dedica la sezione “Cinema e scienza”, interverrà il 29 dopo Il deserto dei Tartari di Valerio Zurlini da lui prodotto e interpretato accanto a Vittorio Gassman e Philippe Noiret. E infine il premio Oscar Volker Schlöndorff concluderà le Lezioni di Cinema, questa volta nel pomeriggio del 29 aprile alle 17.45, dopo la proiezione del suo film Return to Montauk, selezionato per le Anteprime internazionali, in prima assoluta italiana, dopo la presentazione all’ultima Berlinale.
Immancabili anche gli eventi speciali e i tributi. In occasione dell’ottantesimo anniversario della morte di Antonio Gramsci, per molti anni recluso dal fascismo nel carcere di Turi presso Bari, verranno presentati il 28 aprile quattro film a lui dedicati, in collaborazione con la Fondazione Gramsci presieduta dal prof. Giuseppe Vacca: uno su tutti Antono Gramsci – I giorni del carcere di Lino Del Fra del 1977. Tra i tributi da segnalare quelli ad Andrej Konchalovskij, con la proiezione della sua ultima fatica dietro la macchina da presa dal titolo Paradise, e a Greta Scacchi con quella di Good Morning Babilonia di Paolo e Vittorio Taviani.
E per chiudere in bellezza salutiamo la ricomparsa nel già ricco cartellone della sezione competitiva Panorama Internazionale, che aveva subito una brusca interruzione nella settima edizione. In questo caso si tratta, dunque, di un graditissimo ritorno, reso ancora più piacevole dalla lista di titoli selezionati, a cominciare da An Ordinary Man di Brad Silberling con Ben Kingsley. Quello firmato da Silberling, proposto a Bari in anteprima mondiale, è solo uno dei dieci film in gara (più due fuori concorso), nei quali figura anche l’italiano Tutto quello che vuoi di Francesco Bruni.
Non ci resta che augurarvi buon festival e per coloro che non potranno esserci ci sono le nostre recensioni.

Francesco Del Grosso

Riepilogo recensioni per sezione dell’ottava edizione del Bif&st

Anteprime Internazionali

Return to Montauk di Volker Schlöndorff

La tenerezza di Gianni Amelio

Miss Sloane – Giochi di potere di John Madden

Insospettabili sospetti di Zach Braff

Codice Unlocked di Michael Apted

Scappa – Get Out di Jordan Peele

Gifted – Il dono del talento di Marc Webb

Panorama Internazionale

Carole Matthieu di Louis-Julien Petit

Unless di Alan Gilsenan

En amont du fleuve di Marion Hänsel

El otro hermano di Israel Adrián Caetano

Land of the Gods – Dev Bhoomi di Goran Paskaljevic

An Ordinary Man di Brad Silberling

Gold – La grande truffa di Stephen Gaghan

The Prime Minister di Erik van Looy

Tutto quello che vuoi di Francesco Bruni

ItaliaFilmFest/Lungometraggi

Fiore di Claudio Giovannesi

Indivisibili di Edoardo De Angelis

La pazza gioia di Paolo Virzì

Fai bei sogni di Marco Bellocchio

Pericle il nero di Stefano Mordini

Sole cuore amore di Daniele Vicari

Falchi di Toni D’Angelo

ItaliaFilmFest/Opere prime e seconde

La ragazza del mondo di Marco Danieli

Orecchie di Alessandro Aronadio

In guerra per amore di Pif

Taranta on the Road di Salvatore Allocca

Smetto Quando Voglio – Masterclass di Sydney Sibilia

I figli della notte di Andrea De Sica

Il padre d’Italia di Fabio Mollo

Le ultime cose di Irene Dionisio

Omicidio all’italiana di Maccio Capatonda

Il permesso – 48 ore fuori di Claudio Amendola

La guerra dei cafoni di Davide Barletti e Lorenzo Conte

Socialmente pericolosi di Fabio Venditti

Eventi Speciali

Cronaca di una passione di Fabrizio Cattani

Molly Bloom di Chiara Caselli

La ragazza dei miei sogni di Saverio Di Biagio

Tributo a Andrej Konchalovskij

Paradise

Tributo a Alessandro Gassmann

I nostri ragazzi di Ivano De Matteo

Il nome del figlio di Francesca Archibugi

Tributo a Sabrina Ferilli

Io e lei di Maria Sole Tognazzi

Leave A Reply

2 × quattro =