Home Festival Altri festival Aniara

Aniara

228
0
VOTO: 5.5

Lost in space

Non c’è manifestazione audiovisiva dedicata allo Sci-Fi che si rispetti senza almeno uno space-opera in programma. In tal senso al Trieste Science+Fiction Festival ne abbiamo visti tanti in questi anni, alcuni dei quali di grandissima qualità e altri come Aniara che non hanno purtroppo incontrato i nostri gusti. Quello presentato nel concorso della 19esima edizione della kermesse giuliana, firmato a quattro mani da Pella Kågerman e Hugo Lilja, promette bene per poi perdere strada facendo componenti importanti per la sua navigazione sopra la soglia della sufficienza. Peccato perché ciò che il duo svedese è riuscito a tirare su con i pochi mezzi economici a disposizione, trovando soluzioni scenografiche in grado di fare di necessità virtù è davvero meritorio. Per comporre la topografia della location principale, ossia l’astronave che presta il nome al titolo di questa coraggiosa opera prima di provenienza scandinava, gli autori hanno messo insieme i locali dismessi di una scuola e di un centro commerciale. Il risultato da un punto di vista dell’omogeneità e della credibilità dell’ambientazione ha dato loro ragione, perché la messa in scena funziona e presta il fianco al concept che vuole il velivolo in questione prendere le sembianze di una gigantesca nave da crociera con tutti i confort incorporati. Purtroppo, tutto questo come vedremo non è abbastanza per garantire al prodotto finito gli esiti sperati.
Tratto dal profetico poema epico dello scrittore svedese e Premio Nobel Harry Martinson, il film ci porta a bordo della Aniara, una delle molte astronavi che vengono utilizzate per trasportare la popolazione terrestre verso la sua nuova casa: Marte. È stata disegnata per venire incontro ai bisogni di una specie che ha appena terminato di consumare la sua terra d’origine: è un gigantesco centro commerciale. Ma mentre sta lasciando la Terra in rovina, Aniara entra in collisione con dei detriti spaziali e finisce fuori rotta. I passeggeri di Aniara prendono lentamente coscienza del fatto che non saranno mai più in grado di tornare indietro: continueranno a viaggiare per sempre in un vuoto e freddo universo. Insomma, una sorta di Titanic che invece di solcare gli oceani e impattare con un iceberg finisce alla deriva nel mezzo dello spazio, ma senza andare a picco. Il che darà il via a un’odissea lunga decenni in cui il personale di bordo e i passeggeri dovranno imparare a convivere e a sopravvivere in una micro-società con regole da stabilire a da fare rispettare.
I cineasti svedesi danno una forma e una sostanza narrativa e drammaturgica a un poema nordico piuttosto noto, ma il compito si dimostra più arduo del previsto, tant’è che il risultato nel suo complesso funziona solo a fasi alterne, ossia quando ritmo, one lines e costruzione dei personaggi remano nella stessa direzione senza sfaldarsi. Aniara su questo fronte appare discontinuo e scollato, poiché incapace di dare un collante all’enorme mole di temi, stilemi e dinamiche insite nella matrice letteraria di provenienza.
Kågerman e Lilja cuciono insieme i pezzi di un dramma galattico che se fosse piantato sul pianeta Terra altro non sarebbe che una riscrittura per immagini, suoni e parole de Il castello kafkiano, luogo per natura fisica e astratta spesso oscuro e a volte surreale, centrato sui temi della burocrazia, della legge come ordine globale, e quindi dell’alienazione e della frustrazione continua dell’uomo che tenta di integrarsi in un sistema che mentre lo invita, contemporaneamente lo allontana emarginandolo. La fauna variegata che popola l’astronave ne diventa l’estensione e allo stesso tempo la sua negazione quando si trasforma in una cloaca di esistenze costrette a vivere in un ambiente che non riesce più a contenere odio, violenza, paura e disparità di caste.
Ciò fa di Aniara un dramma sociale che avrebbe potuto dire tanto e invece si limita a restare in superficie, consegnando al pubblico un quinto del peso specifico della materia prima a disposizione, attuale sotto moltissimi punti di vista, lasciando in sospeso un enorme potenziale inespresso. Un gran peccato perché i presupposti per fare bene e di più c’erano, ma non hanno raggiunto uno schermo che rimane orfano di qualcosa che sarebbe potuto essere e non è stato nelle mani di registi che tecnicamente sembrano avere tutte le carte in regola (vedi l’ottima resa delle sequenze dei ricordi terrestri). Restiamo a vedere cosa ci riserveranno in futuro.

Francesco Del Grosso

Articolo precedenteJesus Shows You the Way to the Highway
Articolo successivoLe ragazze di Wall Street

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

19 + tredici =