Sa.Fi.Ter. Film Festival Internazionale 2017: terza tappa

0

Diario di bordo #3 Grotte di Castellana

Dal buio della sala del Multicinema Galleria di Bari, dove è andata in scena il 2 e 3 luglio la seconda delle quattro tappe della 15esima edizione del Sa.Fi.Ter, la carovana guidata dal direttore Romeo Conte si sposta ora in quel delle Grotte di Castellana, per una tre giorni altrettanto ricca di proiezioni e ospiti.

La penultima tappa, in programma dal 4 al 6 luglio, è senza ombra di dubbio la più attesa tra quelle in cartellone, vuoi per la qualità e la varietà delle opere presentate, vuoi per la cornice suggestiva che accoglierà le proiezioni e i tanti ospiti annunciati. Si tratta della Grave, “cattedrale” naturale dalla bellezza mozzafiato, nata nell’arcano mondo sotterraneo, dove troverà spazio una bellissima e inedita sala cinematografica. Lì per tre serate si potrà assistere ad un mix entusiasmante di cortometraggi, documentari e lungometraggi.

Si parte il 4 luglio con la sezione competitiva “Commedia in Corto”, che scandaglia l’amore in tutte le sue forme. Tredici le opere in concorso a contendersi i riconoscimenti assegnati dalla giuria presieduta da Nicola Pecci, tra cui: Vegan Love di Giorgio Amato, che torna al festival a un anno di distanza dalla proiezione de Il Ministro; la co-produzione franco-belga Once Upon a Dream di Anthony Nion; Stuck dell’olandese Mathijs Geijskes e il pluri-premiato The Clockmakers Dream dell’irlandese Cashell Horgan. Dalla breve si passa poi alla lunga distanza con la proiezione fuori concorso di una delle opere prime più riuscite della stagione, ossia Il più grande sogno di Michele Vannucci, che accompagnerà il film insieme agli interpreti Ivana Lotito e Mirko Frezza.

Da non perdere assolutamente nemmeno la seconda giornata, che aprirà i battenti alle 10 del mattino con le proiezioni dei cortometraggi in concorso nella sezione “Children World”, dedicata al mondo dell’infanzia a tutte le latitudini. Tra le dodici opere in gara figurano: CrISIS dell’iracheno Ali Kareem Obaid, Dream Vending Machine del taiwanese Hsueh-Cheng Lu, School of Shock del britannico Steven Dorrington e The Prophets of Terror dell’iraniano Ahmad Khoshniat. A difendere i colori nostrani una nutrita rappresentanza guidata da Silvia Perra con il suo La malattia degli altri. La programmazione continua poi nel pomeriggio (16:30) all’insegna del cinema del reale con la proiezione del docu-film Il segreto di Pulcinella, nel quale la regista Mary Griffo punta la macchina da presa sul dramma della Terra dei Fuochi e sul cosiddetto biomicidio. Di ben altro tono la serata: alla commedia di Massimo Cappelli, Prima di lunedì, il compito di risollevare l’umore. Ad accompagnare il film, oltre al regista, saranno presenti gli interpreti Sandra Milo e Sergio Muniz.

E per chiudere in bellezza le proiezioni il 6 luglio approda in quel di Castellana, con alcuni degli interpreti al seguito, il divertentissimo e folle secondo episodio della trilogia di Sydney Sibilia, Smetto quando voglio – Masterclass.

Il cartellone della terza tappa del Sa.Fi.Ter. si arricchisce anche di due interessanti eventi collaterali. Il 6 luglio le Grotte di Castellana saranno il palcoscenico ideale la presentazione del nuovo libro “La felicità è a portata di trolley” della scrittrice e giornalista Marta Perego, un viaggio attraverso aneddoti, ricordi e riflessioni, presi dal suo percorso di giornalista, autrice e conduttrice televisiva. Sempre le Grotte ospiteranno poi i tangueros Moreno Sgherri e Giuseppina Gabriella Cafaro, che si esibiranno in poetico e sensuale omaggio alla commedia.

Non ci resta che darvi appuntamento fra tre giorni per raccontarvi l’ultima tappa, quella di Conversano dove, nell’arena a cielo aperto allestita ai piedi del suo grandioso castello rivolto alla costa adriatica, calerà il sipario su questa avvincente ed emozionante 15esima edizione della kermesse pugliese.

Francesco Del Grosso